mercoledì 20 giugno 2018

PISTACITE - Silicati (Silicates)



PISTACITE

Ca2(Fe, Al)Al2OOHSiO4Si2O7

CLASSE - SILICATI
SISTEMA - Monoclino
DUREZZA - 6-7
DENSITA' - 3,35 - 3,38
SFALDATURA - Perfetta
FRATTURA - Concoide, irregolare
COLORE - Verde
COLORE DELLA POLVERE - Grigio
LUCENTEZZA - Vitrea

Nota più comunemente anche con il nome di epidoto propriamente detto, la pistacite si presenta sia in cristalli prismatici, sia in aggregati bacillari talora fibrosi; caratteristici, poi, i geminati di due individui. Il minerale ha colore verde scuro, verde pistacchio, giallo-verdastro; la lucentezza è vitrea, la sfaldatura basale perfetta.

CARATTERI DIAGNOSTICI - È inattaccabile dagli acidi e fonde alla fiamma del cannello più facilmente della clinozoisite.

ORIGINE - È un minerale di origine prevalentemente metamorfica; si forma nelle rocce calcaree di contatto e in quelle scistose, oppure in fessure all'interno di rocce femiche (anfiboliti, gabbri e così via); può inoltre essere originato da processi di alterazione idrotermale dei plagioclasì calcici.

GIACIMENTI - Stupendi campioni italiani di pistacite provenivano dalla Val d'Ala, dalla Val di Susa e da Traversella (Torino), nonché dalla Val Malenco (Sondrio). 
Ai nostri giorni, invece, i migliori esemplari giungono da Francia, Svizzera, Norvegia, Brasile e da diversi stati nordamericani. Tuttavia, i campioni di maggior interesse gemmologico rimangono sempre quelli trovati a Knappenwald, in Austria.

USI - La pistacite viene utilizzata in campo gemmologico.





Nessun commento: