domenica 30 dicembre 2007

GAHNITE - AUTOMOLITE (Ossidi - Oxides)

Clicca immagine per ingrandire

GAHNITE

Di colore nero (automolite), ma anche nero-verdastro, azzurro e assai più raramente giallo o bruno, ha bei cristalli per lo più ottaedrici.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Può confondersi con minerali dello stesso colore e dello stesso abito cristallino, differenziandosi fra questi dalla sola magnetite che viene attratta dal ferro.

ORIGINE - Abbastanza frequente nelle alluvioni gemmifere, si trova di solito anche nei giacimenti di minerali di zinco o in zone metamorfiche per contatto, come in certi calcari.

GIACIMENTI - Si trova in Svezia (Falun, Riddarhyttan), negli Stati Uniti (Franklin e Sterling Hill, nel New Jersey), in Brasile e in altre località. 
In Italia si osserva soprattutto a Tiriolo, presso Catanzaro, in bei cristalli azzurri, e anche nella miniera del Migiandone, presso Ornavasso, in Val di Toce, ove si presenta in cristalli ottaedrici neri.


Automolite
  

ORPIMENTO - ORPIMENT (Solfuri - Sulphides)

Clicca immagine per ingrandire

ORPIMENTO

L'orpimento si presenta in cristalli tabulari o prismatici allungati i quali, talvolta, possono raggiungere dimensioni ragguardevoli (5 centimetri e oltre di lunghezza). Normalmente, tuttavia, si trova in masse costituite da aggregati fogliacei, colonnari, reniformi oppure granulari.
L'orpimento ha un bel colore giallo dorato, tendente al giallo aranciato nei cristalli. 
La sua lucentezza è resinosa e perlacea sulle superfici di sfaldatura. 
È abbastanza pesante ma molto tenero.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Caratteristica è la facilissima sfaldatura in lamine trasparenti e flessibili.

ORIGINE - Si forma nei filoni idrotermali mineralizzati di bassa temperatura, nelle fumarole vulcaniche e quale prodotto di alterazione di altri minerali di arsenico, in particolare il realgar.

GIACIMENTI E USI -  In Italia l'orpimento si rinviene in vari luoghi, anche se in scarsa quantità e sempre associato a realgar. È stato trovato ad esempio a Viozene, presso Ormea (Cuneo), in Val Malenco (Sondrio), in rocce bituminose lungo il Rio Sciaid, vicino a Tarvisio (Udine), sul Monte Amiata (Grosseto) e nella solfatara di Pozzuoli (Napoli).
È usato per l'estrazione dell'arsenico.





ZINCITE - Ossidi (Oxides)


ZINCITE
ZnO
Sistema - Esagonale
Durezza - 4
Densità - 5,68
Colore - Giallo arancio, rosso, bruno
Lucentezza - Subadamantina

I cristalli, piramidali, sono molto rari in natura e in genere mal definiti. La specie si presenta di solito in masse tipiche di colore rosso arancio scuro. In genere è associata a franklinite e a willemite.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Facilmente riconoscibile per il colore, specie se è nota la provenienza del campione; inoltre, I'associazione con la willemite, che è fluorescente, è un altro importante elemento diagnostico.

ORIGINE - La zincite è un tipico minerale di contatto formatosi in seguito alle reazioni chimico-fisiche provocate dalla risalita del magma sulle rocce circostanti che, a causa dell'elevata temperatura, reagiscono dando origine a specie diverse a seconda della propria composizione e di quella magmatica.

GIACIMENTI E USI - I più famosi giacimenti di zincite sono quelli di Franklin Furnace e di Sterling Hill, nel New Jersey, dove il minerale è associato a calcite bianca o rosa, a willemite verde, a tefroite grigia e a franklinite nera, dando così origine a campioni molto belli e importanti dal punto di vista scientifico. 
Questo minerale è stato segnalato anche in Polonia, Spagna e Australia; in Italia è stato scoperto, sebbene in piccolissime quantità, nella miniera del Bottino, a Seravezza (Lucca).

Importante minerale di zinco, la zincite è diventata una vera rarità da collezionisti dopo l'esaurimento dei giacimenti americani.



giovedì 27 dicembre 2007

CUPRITE - Ossidi (Oxides)


CUPRITE

Fragile e pochissimo sfaldabile, si presenta in masse compatte, ma anche in cristalli trasparenti o traslucidi: il loro colore è solitamente rosso vivo ma può essere anche rosso cupo, mentre la lucentezza è adamantina, quasi metallica. 
Nella varietà calcotrichite i cristalli allungatissimi, rossi e brillanti, sono originati da uno spropositato allungamento del cubo, che rappresenta una delle più comuni forme di cristallizzazione del minerale.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Molto spesso sia i cristalli sia le masse compatte di cuprite sono ricoperti da una patina o da una crosta verde di malachite. Prendendo un piccolo frammento del minerale e fondendolo alla fiamma di un cannello, si ottiene facilmente un globuletto rosso metallico di rame.

ORIGINE - La cuprite si trova soprattutto nelle zone di ossidazione dei giacimenti di rame, dove è spesso associata a rame nativo, malachite e azzurrite.

GIACIMENTI E USI - In Italia si rinviene principalmente, in piccoli ma distinti cristalli, nella ex miniera di rame di Libiola (qui anche nella varietà calcotrichite) e nelle miniere di manganese della Val Graveglia, entrambe in Liguria. 
Tra le molte località estere, si ricordano gli eccezionali cristalli delle miniere africane dello Shaba, nello Zaire, e di Tsumeb, in Namibia.
La cuprite fu uno dei primi prodotti della natura utilizzati dall'uomo per la facilità di ottenere notevoli quantità di rame puro per semplice fusione.





mercoledì 26 dicembre 2007

EMATITE (Ossidi) - HEMATITE (Oxides)

Clicca immagine per ingrandire

L'ematite ha colore nero, spesso iridescente, e cristallizza nel sistema trigonale in cristalli tozzi e piuttosto appiattiti (ferro oli­gisto) o addirittura lamellari e disposti come i petali di una ro­sa (rosa di ferro). Di solito la si trova in masse più o meno com patte, talora con superfici iridescenti o terrose; in questo caso assume un colo­re rosso e prende il nome di ocra rossa. Può anche avere aspetto oolitico o for­mare concrezioni. L'ematite ha lucentezza metallica; è dura e non si lascia scal­fire dalla lama di un temperino:scalfisce l'apatite e viene scalfita dal quarzo. E molto pesante, priva di sfaldatura e fragile.



CARATTERI DIAGNOSTICI

L'ema­tite è infusibile e, scaldata, diventa magnetica. La sua polvere è rosso scura, carattere che la differenzia da altri ossidi di ferro (magnetite e ilmenite).



ORIGINE

E' un minerale comune nelle rocce effusive, nelle pegmati­ti e nei filoni idrotermali formatisi per consolidamento dei magmi re­siduali (rimasti cioè dopo la forma­zione, ad esempio, di graniti e pegmatiti). Molto frequente è la genesi sedimentaria, per ricristal lizzazione parziale (diagenesi) della limonite: perciò, come quest'ultima, l'ema­tite può avere aspetto oolitico o concrezionale. Può anche, in seguito a meta­morfismo, sostituire la magnetite assumendone la forma esterna (pseudomorfismo); in questo caso prende il nome di martite.



GIACIMENTI

I depositi più importanti dal punto di vista industriale sono di ori­gine sedimentaria, formatisi per diagenesi o debole metamorfismo di rocce di tipo granitico (taconiti): i maggiori sono quelli del Lago Superiore (Usa), del Québec (Canada), del Venezuela e dell'Angola. Depositi di tipo oolitico s( tro­vano in Canada, nel Tennessee (Usa) e in Ucraina. Bei cristalli di ferro oligisto sono presenti, in Italia, a Rio Marina (Isola d'Elba), in Brasile, a Bahia, e, in Gran Bretagna, nel Cumberland. Le più famose rose di ferro provengono dal gruppo del Gottardo e dalla Valle di Binn (Svizzera), mentre le più grandi, che possono raggiungere un diametro di 15 centimetri, sono originarie di Minas Gerais (Bra­sile). Sempre dal Brasile proviene una varietà, detta specularite, molto appiat­tita, con una superficie perfettamente speculare. Le martiti più belle sono state trovate in Canada e negli Stati Uniti, a Twin Peaks (Utah) e nella zona del Lago Superiore.



USI

Sebbene non sia il più ricco, l'ematite è il minerale di ferro più dif­fuso per cui è il più importante indu­strialmente. L'ocra rossa, a sua volta, viene impiegata come pigmento co­lorante: è anche utilizzata come levi­gante. Pur non godendo di grande considerazione in campo gemmolo­gico, l'ematite - specialmente quella microcristallina compatta, dalla note­vole lucentezza - viene impiegata fin dall'antichità come gemma; a essa, inoltre, si attribuivano proprietà tera­peutiche e magiche.


ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z