lunedì 18 gennaio 2016

URANINITE - Ossidi e idrossidi (Oxides and Hidroxides)


URANINITE

UO2

SISTEMA: Cubico
DUREZZA: 5,5 - 6,0
DENSITÀ: 9,1 - 10,6
SFALDATURA: Difficile
FRATTURA: Concoide
COLORE: Nero. grigio bruno
COLORE DELLA POLVERE: Nero
LUCENTEZZA: Da submetallica a grassa

Minerale radioattivo, cristallizza in forme prevalentemente cubiche o cubottaedriche, raramente in soli ottaedri o rombododecaedri. Si può rinvenire anche in aggregati dendritici di piccoli cristalli oppure in masse compatte, granulari o concrezionate, come nella varietà pechblenda.

CARATTERI DIAGNOSTICI - È facilmente alterabile all'aria e all'acqua: se in cristalli, prima perde la sua originale lucentezza, poi si trasforma gradualmente in miscele di prodotti secondari giallo aranciati o brunastri (gummiti).

ORIGINE - L'uraninite cristallizzata è caratteristica delle pegmatiti e di certi giacimenti metalliferi. 
La pechblenda è invece presente soprattutto in filoni mineralizzali di origine idrotermale, costituiti principalmente da minerali di argento, cobalto, nichel e bismuto; si trova però anche in depositi sedimentari.

GIACIMENTI E USI - In Italia, piccoli cristalli di uraninite provengono dalle pegmatiti di Montescheno (Valle Antrona, Verbania) e di Piona (Lago di Como).
La pechblenda è invece nota in molte località, tra le quali Peveragno (Cuneo), Novazza (Bergamo), la Val Daone, vicino a Condino, e la Val Rendena, nei pressi di Pinzolo (Trento). 
Eccezionali cristalli di uraninite, anche di 20 centimetri per lato, provengono da Shinkolobwe, nello Shaba (Zaire). 

L'uraninite è il principale minerale di uranio.


Pechblenda


ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z

COBALTITE - Solfuri (Sulfides)



COBALTITE

CoAsS

SISTEMA: Cubico
DUREZZA: 5,5
DENSITÀ: 6,3
SFALDATURA: Perfetta
FRATTURA: Irregolare
COLORE: Bianco argenteo, grigio-nerastro
COLORE DELLA POLVERE: Grigio-nerastro
LUCENTEZZA: Metallica


Cristallizza in individui che, di solito, si presentano in forma di cubi, ottaedri e piritoedri oppure come combinazioni di queste ultime due forme.
Le facce dei cristalli in genere sono striate, analogamente alla pirite; il minerale, tuttavia, si trova con maggior facilità in masse granulari o compatte. 
Fragile con sfaldatura perfetta, questo solfuro ha un colore che varia dal bianco argenteo, con riflessi violetti, al grigio-nerastro; è opaco, con lucentezza metallica più o meno brillante. Si tratta di una specie pesante e abbastanza dura.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Si scioglie in acido nitrico e fonde abbastanza facilmente, dando origine a un globulo leggermente magnetico.

ORIGINE - La cobaltite è un tipico minerale di genesi idrotermale: si rinviene, perciò, in vene e filoni entro rocce granitiche e pegmatitiche.

GIACIMENTI E USI - Negli Stati Uniti questa specie è stata trovata in Colorado, ldaho e California; importanti depositi sono anche quelli canadesi di Cobalt, nell'Ontario, e quelli messicani dì Sonora. Bellissimi cristalli provengono da Svezia, Gran Bretagna, Norvegia, Germania, Russia, Marocco, India e Australia. 
Nel nostro Paese la cobaltite è molto rara; è stata rinvenuta solamente in Sardegna, in alcune miniere situate nel comune di Gonnosfanadiga, in provincia di Cagliari.

La cobaltite, se presente in quantità abbondanti, ha una certa importanza economica in quanto vi si può estrarre il cobalto, elemento utilizzato nel settore industriale per la fabbricazione degli acciai




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z

BISMUTINITE (Bismuthinite)- Solfuri



BISMUTINITE

Bi2S3

SISTEMA: Rombico
DUREZZA: 2,0
DENSITÀ: 6,80
SFALDATURA: Perfetta
FRATTURA: Irregolare, scagliosa
COLORE: Grigio stagno
COLORE DELLA POLVERE: Grigio piombo
LUCENTEZZA: Metallica

Il minerale cristallizza nel sistema rombico, in individui prismatici molto allungati, colonnari; le facce del prisma verticale, secondo le quali sfalda perfettamente, sono fittamente striate. Tuttavia si rinviene più facilmente in aggregati granulari compatti o a tessitura radiata, piuttosto che in cristalli singoli. 
La bismutinite è opaca, con un colore grigio stagno, lucentezza metallica, alterazioni iridescenti o giallastre e polvere grigio piombo. I suoi cristalli sono flessibili.

CARATTERI DIAGNOSTICI - La bismutinite è molto simile all'antimonite e in genere indistinguibile da essa.

ORIGINE - La bismutinite è un minerale di genesi idrotermale. Normalmente in associazione a minerali d'argento, stagno e cobalto, non può tuttavia essere associata all'antimonite, che si forma a una temperatura nettamente più bassa.

GIACIMENTI E USI - Masse d'interesse industriale sono note in Bolivia, Perù, Gran Bretagna (Cornovaglia) e Australia, I migliori cristalli, invece, si trovano negli Stati Uniti (California e Dakota), nel Messico e in Canada. 
In Italia la bismutinite è stata rinvenuta all'Isola d'Elba, a Brosso (Torino) e nell'lglesiente (Cagliari); in Sicilia, infine, forma incrostazioni nelle fumarole di Vulcano, nelle Eolie.

Il minerale è coltivato per l'estrazione del bismuto (ne contiene, in peso, l'81,2 %).




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z