giovedì 18 febbraio 2016

LINARITE - Solfati (Sulphates)


LINARITE
PbCuSO4(OH)2

SISTEMA: Monoclino
DUREZZA:  2,5
DENSITÀ: 5,3
SFALDATURA: Perfetta
FRATTURA: Concoide
COLORE: Blu scuro
COLORE DELLA POLVERE: Azzurro 
LUCENTEZZA: Vitrea

Si presenta in cristalli allungati spesso tabulari, isolati o raggruppati, oppure in aggregati più o meno raggiati di cristalli aciculari; il colore è sempre un caratteristico blu scuro.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Attaccabile dall'acido nitrico. Fonde con un caratteristico crepitio, annerendosi.

ORIGINE - È un minerale caratteristico nella zona di ossidazione dei giacimenti di piombo e di rame, dove è associato ad anglesite, leadhillite, cerussite, brochantite, malachite.

GIACIMENTI - La linarite si trova in numerosi giacimenti, tra cui Tsumeb, Namibia; Mammoth Mine, Tiger, Arizona; Tintic, Utah; Butte, Montana; Cerro Gordo Mine, California; Leadhills, Scozia; Broken Hill, Australia; Arenas, Rosas e San Giovanni nell'lglesiente, in Sardegna.




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z



GAYLUSSITE (Natrocalcite) - Carbonati


GAYLUSSITE
Na2Ca(CO3)2*5H2O

SISTEMA: Monoclino
DUREZZA:  2,5 - 3,0
DENSITÀ: 1,9
SFALDATURA: Prismatica perfetta
FRATTURA: Concoide
COLORE: Da bianco a giallo
COLORE DELLA POLVERE: Da bianco a incolore
LUCENTEZZA: Vitrea


La gaylussite, detta anche natrocalcite, è un carbonato idrato di calcio e sodio che cristallizza nel sistema monoclino e compare in natura sotto forma di tozzi cristalli prismatici, bianchi, grigiastri, giallastri o incolori, da trasparenti a traslucidi e con sfaldatura prismatica perfetta.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Leggerissima e tenera, la gaylussite e solubile negli acidi a freddo con vivace effervescenza.

ORIGINE - È un minerale tipico di depositi lacustri.

GIACIMENTI - La gaylussite è stata rinvenuta nei depositi dì Lagunillas, Merida, nel Venezuela e, associata a northupite, pirssonite e tychite, nei sedimenti argillosi del Soda Lake e del Borax Lake,negli Stati Uniti. Proviene anche dalla zona orientale del deserto di Gobi (Mongolia).

È un minerale raro di interesse puramente scientifico e collezionistico.


ARTINITE - Carbonati (Carbonates)

   
ARTINITE
Mg2CO3(OH)2*3H2O

SISTEMA: Monoclino
DUREZZA:  2,5
DENSITÀ: 2
SFALDATURA: Perfetta
COLORE: Bianco-grigiastro
COLORE DELLA POLVERE: Bianco
LUCENTEZZA: Da vitrea a sericea

L'artinite è un minerale piuttosto raro che cristallizza nel sistema monoclino; si presenta sotto forma di piccoli fasci formati da esili aghi, oppure in forma di venule o di croste a struttura fibroso-raggiata. Ha colore bianco-grigiastro e lucentezza sericea.

CARATTERI DIAGNOSTICI - E solubile, con viva effervescenza, nell'acido cloridrico diluito; per riscaldamento perde acqua.

ORIGINE - La genesi del minerale è dovuta ad alterazione di rocce serpentinose, provocata da acque carbonicate.

GIACIMENTI E USI - L'artinite venne scoperta nelle cave di amianto della Val Brutta (Val Malenco, Sondrio). Sempre associata a rocce serpentinose, si trova al Monte Fobè in Valle d'Aosta, al Monte Ramazzo in Liguria e a Viù in provincia di Torino. 
Con idromagnesite è presente nei marmi della bassa Val Seriana. 
Il minerale e presente nelle serpentine della Serbia e della Stiria. Negli Stati Uniti, associata a brucite e idromagnesite, compare nelle rocce ultrabasiche di Luning nel Nevada, di Hoboken nel New Jersey e del Vermont.

L'artinite ha esclusivamente significato scientifico e collezionistico.