martedì 15 marzo 2016

PIROFILLITE (Pyrophyllite) - Silicati

   
PIROFILLITE

Al2(OH)2Si4O10

SISTEMA: Monoclino o Triclino
DUREZZA: 1,5
DENSITÀ: 2,8
SFALDATURA: Perfetta
FRATTURA: Scagliosa
COLORE: Incolore, allocromatico
COLORE DELLA POLVERE: Bianco
LUCENTEZZA: Da grassa a madreperlacea


I cristalli ben formali sono piuttosto rari poiché il minerale sì trova solitamente in masse fogliacee, fibrose o lamellari-raggiate, oppure granulari o compatte. Ha un colore variabile dal bianco al giallastro, al grigio-verde, anche con tonalità brune. È trasparente o traslucido, quasi opaco nelle varietà compatte, e perfettamente sfaldabile in sottili lamine, flessibili ma non elastiche.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Al tatto dà una sensazione di untuosità come il talco e, date le sue proprietà chimico-fisiche, è difficilmente distinguibile da quest'ultimo senza ricorrere ad accurate analisi o ai raggi X.

ORIGINE - Si trova soprattutto in rocce scistose o associata a silicati di alluminio. Può essere presente anche in filoni idrotermali mineralizzati, in associazione con miche o quarzo.

GIACIMENTI - In Italia è nota soprattutto nel granofiro di Cuasso al Monte (Varese), in forma compatta e colore verde chiaro; all'Alpe Groppera, presso Madesimo (Sondrio); nel crinale della cosiddetta Schiena del Lupo in Val di Vizze (Bolzano); nella vecchia miniera mercurifera di Ripa presso Seravezza (Lucca). 

USI - La pirofillite viene utilizzata in varie industrie, tra le quali quella cartaria, tessile, della gomma e dei saponi.




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z
     




Nessun commento: