giovedì 14 gennaio 2016

PIROCROITE (Pyrochroite) - Ossidi e Idrossidi





PIROCROITE

Mn(OH)2

SISTEMA: Trigonale
DUREZZA: 2,5
DENSITÀ: 3,6 - 4,3
SFALDATURA: Perfetta
COLORE: Incolore o verde-azzurrino
LUCENTEZZA: Madreperlacea


I cristalli sono generalmente di forma tabulare o distintamente romboedrica, ma più comuni sono le masse fogliacee lamellari o granulari compatte. 
Il minerale è incolore o verde-azzurrino chiaro quando è fresco, ma si altera all'aria e diventa rosso carnacino o violaceo fino a bruno-nero, trasformandosi in ossidi vari del manganese trivalente. 
La sfaldatura è perfetta secondo la base e la lucentezza è madreperlacea sulle superfici di sfaldatura, se il minerale è fresco.

CARATTERI DIAGNOSTICI - In genere, a un esame superficiale, la pirocroite è difficilmente riconoscibile: si può sospettare la sua presenza considerando l'abbondanza di minerali ossidati secondari di manganese che I'accompagnano, specie sotto forma pulverulenta, e anche il tipo di giacimento.

ORIGINE - Si presenta in qualche giacimento metallifero di tipo assai complesso, ove si è formata, almeno in parte, per alterazione della manganosite.

GIACIMENTI - Le località più celebri si trovano soprattutto in Svezia, in particolare a Långban, ove il minerale è associato ad arseniati rari e a piombo nativo. Negli Stati Uniti si trova a Franklin nel New Jersey. Quantità notevoli di pirocroite sono presenti in varie miniere del Giappone sotto forma compatta o fibrosa, come prodotto di alterazione idrotermale di manganosite, a cui sono associate, insieme a rodocrosite.




ORDINE ALFABETICO DI TUTTI I MINERALI
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Z

Nessun commento: