sabato 26 dicembre 2015

ENARGITE (Solfuri - Sulphides)

   
 ENARGITE

Cu3AsS4

SISTEMA: Rombico
DUREZZA: 3
DENSITÀ: 4,3 - 4,5
COLORE: Da grigio a nero
LUCENTEZZA: Metallica

Normalmente compatta o granulare, si presenta spesso in bei cristalli prismatici grigio-nerastri caratteristici, talora con iridescenze superficiali.

CARATTERI DIAGNOSTICI - Si scioglie in acido nitrico, dando origine a fiocchetti di zolfo. Riscaldata, emette un caratteristico odore di aglio.

ORIGINE - È un minerale non comune che si trova in giacimenti primari associato a bornite, pirite, sfalerite, quarzo, baritina e ad altri minerali.

GIACIMENTI e USI  - Con pirite, bornite, tennantite, luzonite, si trova a Recsk in Ungheria, a Brixlegg nel Tirolo austriaco, a Bor in Serbia, in grandi masse ed eccezionali cristalli a Butte nel Montana (Usa); splendidi cristalli provengono anche da Cerro de Pasco e Quiruvilca in Perù; Chuquicamata in Cile, Famatina in Argentina, Chilung (Taiwan).
In Italia distinti cristalli fino a 1-2 centimetri furono trovati con pirite e covellite a Calabona, in Sardegna; cristalli più piccoli sono presenti anche nelle miniere abbandonate di Torrebelvicino, Vicenza. Non rara in perfetti cristallini grigio-neri lucenti nei geodi del marmo di Carrara, è presente anche il Val Chapy, Aosta.

Trova impiego per I'estrazione del rame e dell'arsenico.


Enargite, nera - Pirite, gialla


Nessun commento: